Intestino felice: il nostro secondo cervello

14 dicembre - ore 17.45. Fondazione Museo Civico di Rovereto Sala Convegni “Fortunato Zeni”

 

“Se ti mancano i medici,
siano per te medici queste tre cose:
l'animo lieto, la quiete e la moderata dieta”

Scuola Medica Salernitana

Relatore
Giorgio Rossi - Neurologo

Interviene
Angelo Giovanazzi – Associazione Baldensis

Introduce e modera
Sandro Feller - Presidente della Fondazione Alvise Comel

 

Al termine della conferenza è prevista una degustazione
 a cura del Mas del Gnac e Peperoncino Trentino

 

Negli ultimi tempi è apparso sempre più evidente che l‘intestino non svolge solo la funzione di nutrire il nostro corpo ma è coinvolto nella regolazione di complesse funzioni che si pensava fossero riservate solo al nostro cervello; invece “la pancia sente, agisce e ricorda più della testa “.

Questa affermazione non appare per nulla stravagante se pensiamo che anche l'intestino è dotato di un sistema nervoso molto complesso che in parte dipende da quello centrale ma in parte è autonomo.

I due “cervelli “ poi, sono continuamente a stretto dialogo tanto che da un lato il benessere a livello del sistema nervoso centrale influenza positivamente una corretta funzionalità a livello intestinale mentre, specularmente, la buona funzionalità dell'intestino assicura una sensazione di benessere emotivo della persona. Sembrerebbe quindi che il nostro equilibrio e la nostra felicità dipendano in parte dal nostro macrobiota cioè da una corretta composizione della nostra flora batterica intestinale che a sua volta dipende da una corretta alimentazione variata e ricca in fibre vegetali .

Non solo: un intestino “felice “ assicura una efficace difesa immunitaria e un’adeguata produzione di serotonina, neuromediatore del buon umore. Ritorna quindi valido l’antico detto della Scuola Medica Salernitana e ancor prima della Scuola Ippocratica: che “il Cibo sia la tua medicina”!

Di tutto questo e altro parleremo nella nostra conferenza.

 

La Fondazione "Alvise Comel" opera nel nome e nel ricordo di Alvise Comel, illustre geologo che a tali studi e ricerche ha destinato una parte significativa del suo patrimonio.

 

Organizzazione:

Fondazione Alvise Comel
Accademia Roveretana degli Agiati
Piazza Rosmini 5 - 38068 Rovereto



Intestino felice

Documenti da scaricare